Lis Neris 
Ordina per Ordina per

Lis Neris 

L'Azienda Agricola Lis Neris è situata a San Lorenzo Isontino (GO) nella zona DOC Friuli Isonzo.
Lis Neris si trova nel cuore della più rinomata zona viticola friulana, nel comune di San Lorenzo, fra il confine Sloveno a nord e la riva destra del fiume Isonzo a sud. Oltre 60 ettari di vigneto sono piantati nella parte più bella di un piccolo altopiano di ghiaie profonde trascinate a valle dalle acque di scioglimento dei ghiacciai delle Alpi orientali. La vicinanza al mare favorisce un clima tipicamente mediterraneo, caratterizzato da escursioni termiche diurne che aiutano la maturazione lenta, con il risultato di dare uve più solide e meglio bilanciate con aromi e gusti più ricchi. A San Lorenzo, zona più fresca, sono concentrati gran parte dei vigneti a varietà bianca, mentre nelle località di Corona e Romans, zone più calde situate a ovest del centro aziendale, si trovano principalmente le varietà rosse.
A poche centinaia di metri dai vigneti, nel centro del paese di San Lorenzo è situata, moderna ed essenziale, la cantina, cuore pulsante di Lis Neris. Questa, come le radici della vigna, si sviluppa naturalmente nel sottosuolo "prolungandone" così i benefici nei processi produttivi, nel pieno rispetto della materia prima e dei suoi ritmi evolutivi. Tecniche all'avanguardia e tradizioni secolari esaltano i profumi e i sapori del territorio dove la vigna e la cantina sono armoniosamente radicate.

Dati cantina
Proprietà: Alvaro Pecorari
Enologo: Alvaro Pecorari
Superficie: 70 ettari
Produzione: 400.000 bottiglie annue

Vini bianchi: Friulano, Pinot Grigio, Chardonnay, Sauvignon
Vini rossi: Cabernet Sauvignon, Merlot
Vini dolci: Verduzzo

NOTE VENDEMMIALI

2015

Primavera ideale, estate calda ma mai afosa grazie ai venti orientali di Bora, piovosità discretamente distribuita: una situazione climatica quasi ottimale per il modello friulano.
I vini dimostrano una naturale propensione all’equilibrio, vengono favorite la finezza nei bianchi e l’avvolgenza nei rossi.

2014

L’inverno mite e l’estate bagnata sono stati un banco di prova molto impegnativo.
La struttura dei vini è più sottile (meno alcol) e l’acidità più sostenuta esalta i profumi e i gusti sapidi. Una situazione più favorevole per i bianchi, meno per i rossi. 

2013

Vini bianchi ricchi, complessi e articolati; risultato di una buona stagione estiva e soprattutto di un periodo vendemmiale quasi perfetto