Bérêche et Fils
Ordina per Ordina per

Bérêche et Fils

Montagne de Reims-Nord

Craon de Ludes - R.M.

3,25 ha Pinot Noir - 3 ha Chardonnay - 2,25 ha Pinot Meunier
Bottiglie prodotte annualmente: 85.000 

La Maison Bérèche crea Champagne sin dal 1847 quando, Lèon e Albert Bérèche producevano una piccola quantità di bottiglie da 2,5 ettari vitati a Ludosa. Attualmente gli ettari vitati sono 9.50 suddivisi per 4/5 circa tra Chardonnay e Pinot Noir, mentre il restante 1/5 è coltivato a Pinot Meunier. L'azienda può contare su 3 settori differenti, ognuno con il proprio terroir, a loro volta suddivisi in 21 parcelle; l'età media delle piante è di 38 anni. Questa azienda ha subito una profonda “rivoluzione” da quando (nel 2004) il giovane figlio del titolare (Raphaël) è entrato in attività. Con lui il modo di fare Champagne è decisamente cambiato: in vigna sono stati banditi i trattamenti sistemici e gli erbicidi e i filari vengono condotti con cura certosina. La cantina non è da meno con ampio spazio alle fermentazioni spontanee e all’uso delle botti di rovere di varia provenienza e capacità, sia per le vinificazioni che per l’affinamento .La fermentazione alcolica inizia spontaneamente e lentamente e si conclude all'inizio di Dicembre. La fermentazione malolattica non viene effettuata, a causa delle basse temperature della cantina di vinificazione. L'affinamento in botti di legno dei vini base si conclude a Maggio; dopo la degustazione delle basi e le operazioni di "assemblage", i futuri Champagne riposano sui lieviti dai 2 ai 6 anni a seconda della tipologia. Interessanti anche i tiraggi effettuati con tappi di sughero (bouchon liège) per maturare le cuvée in “ossidazione controllata”. In sostanza si cerca di ripristinare le tecniche ancestrali, ma con sensibilità e consapevolezza contemporanee. Gli Champagne della Maison Bérèche et Fils sono notevolmente considerati dalla critica e dagli appassionati: le linee guida che accomunano tutti i vini sono la vena acido-minerale e l'equilibrio al palato.